(ANTIFRODE ASSICURATIVE) ANTIFRODE ASSICURATIVE_SIAMO IL PARTNER IDEALE di COMPAGNIE DI ASSICURAZIONI e ISTITUTI
Italiano
Italiano

INDAGINI FRODE ASSICURATIVE, FINANZIARE , BANCARIE , INDUSTRIE e COMMERCIO

INDAGINI FRODE ASSICURATIVE, FINANZIARE , BANCARIE , INDUSTRIE e  COMMERCIO - (ANTIFRODE ASSICURATIVE)

 

INDAGINI ANTIFRODE ASSICURATIVE_SIAMO IL PARTNER IDEALE  di COMPAGNIE DI ASSICURAZIONI e ISTITUTI FINANZIARI

I reati contro le compagnie assicurative  sono una piaga sociale: l’inscenare dei   finti furti/sinistri e delle truffe,  per intascare facili risarcimenti è in perenne aumento. Con le nostre indagini antitruffe assicurative (art. 642 c.p.) smascheriamo  chi, con frodi o raggiri, consegue ingiusti profitti a danno delle compagnie assicurative  e degli istituti finanziari.   Telef. 026696454

 Siamo inoltre accreditatri presso l'ordine  degli avvocati di Milano e, partner di primarie compagnie assicurative. Inoltre, svolgiamo indagini  "preventive" ai sensi dell’art. 327 bis commi 1 e 3 e 391 nonies c.p.p.  a difesa .

 

La sentenza n. 18507/2016 della Corte di Cassazione ha confermato e rinnovato la legittimità dei controlli difensivi dell'azienda per sospetta simulazione fraudolenta dello stato di malattia del dipendente

 

Frodi assicurative, la Corte di Strasburgo approva le investigazioni private

La truffa alle assicurazioni rappresenta una piaga nel nostro Paese. Anche la Corte di Strasburgo si è pronunciata favorevolmente sulla possibilità da parte delle compagnie assicuratrici di affidarsi a un detective privato per scoprire eventuali truffatori

In Italia le frodi alle compagnie assicurative rappresentano "un'abitudine ormai consolidata", che coinvolge non solo gli automobilisti, ma anche medici, avvocati, etc. A pagarne le conseguenze sono i cittadini onesti che vedono l'importo delle loro polizze salire di anno in anno, perché le assicurazioni scaricano su di loro le spese delle truffe.

I dati più recenti riguardano il 2017. Secondo Ania,  l'incidenza media dei sinistri esposti a rischio frode è pari al 22,4%, uno su cinque. Il problema si fa sentire in particolare al Sud, dove quasi il 35% dei sinistri denunciati è risultato sospetto. In particolare, la regione messa peggio è la Campania, con il 44% di sinistri auto a rischio frode, a cui seguono il Molise (33%) e la Calabria (28%). Sul totale dei sinistri, quelli soggetti ad "approfondimento rischio frode" sono soltanto il 12,4%.

Questo numero coincide grosso modo con le compagnie assicurative che si affidano alle agenzie di investigazioni private per scoprire eventuali truffatori. Infatti, tramite pedinamento gli investigatori privati possono verificare se i danni subiti dall'assicurato coincidono con la realtà.  Comportandosi in questo modo le assicurazioni rispettano l'attuale ordinamento giuridico in materia che ritiene legittimo l'utilizzo dei detective privati per smascherare eventuali frodi e salvaguardare il patrimonio aziendale. Tutt'al più, che oltre agli interessi della compagnia assicuratrice, le truffe toccano anche l'interesse della collettività, ovvero di tutti gli altri assicurati.

Proprio su questo punto ha fatto leva la Corte di Strasburgo, che in merito a una sentenza dello scorso gennaio, ha ritenuto "inammissibile" il ricorso di una uomo coinvolto in un incidente stradale. L'uomo era stato pedinato da un detective privato perché, a seguito di un incidente, aveva lamentato "considerevoli dolori fisici". Così, la compagnia assicuratrice ha assoldato un investigatore privato per verificare la situazione del suo assicurato ed ha scoperto che quest'ultimo era in grado di compiere azioni (come alzare pesi, etc...) in netto contrasto con quanto affermato precedentemente. L'uomo è stato condannato, ma ha presentato ricorso, arrivando fino alla Corte di Strasburgo lamentando una violazione della privacy personale da parte della compagnia assicuratrice. La Corte ha rigettato prontamente il ricorso, dichiarando che "l'assicuratore ha il diritto di svolgere attività di investigazione privata, soprattutto perché l'interesse fatto valere dalla compagnia assicurativa non può essere ritenuto totalmente privato, in quanto questi rappresenta anche i diritti di tutti gli altri assicurati"

Polizza assicurazione sulla vita: ultime sentenze

Leggi le ultime sentenze su: polizza assicurativa sulla vita; sottoscrizione della polizza; natura del contratto; condizioni di salute dell'assicurato; rispetto delle regole di leale comportamento dell'impresa emittente, dell'intermediario e del promotore; rischio dell'assicurato; assicurazione sulla vita a favore di un terzo.

Cassazione civile sez. I, 14/06/2016, n.12261

 

* 1 Assicurazione sulla vita: controllo del giudice

* 2 Stipulazione della polizza vita: reticenza dell'assicurato

* 3 Polizza assicurativa sulla vita e contratto di investimento finanziario

* 5 L'assicurazione sulla vita di un terzo

* 6 Polizze di assicurazione sulla vita ed evasore fiscale

* 7 Polizza index linked: esclude qualsiasi rischio finanziario a carico dell'assicurato?

* 8 Polizza vita: ha una natura mista?

* 9 Assicurazione sulla vita: modifica della designazione del beneficiario

* 10 Assicurazione sulla vita a favore di un terzo e revoca del beneficio

* 11 Sostituzione del contraente originario

* 12 Pagamento del riscatto al fallito

Assicurazione sulla vita: controllo del giudice

In tema di contratto di assicurazione sulla vita stipulato prima dell'entrata in vigore della l. n. 262 del 2005 e del d.lgs. n. 303 del 2006, nel caso in cui sia stabilito che le somme corrisposte dall'assicurato a titolo di premio vengano versate in fondi di investimento interni o esterni all'assicuratore e che, alla scadenza del contratto o al verificarsi dell'evento in esso dedotto, l'assicuratore sarà tenuto a corrispondere all'assicurato una somma pari al valore delle quote del fondo mobiliare in quel momento (polizze denominate "unit linked"), il giudice di merito, al fine di stabilire se l'impresa emittente, l'intermediario e il promotore abbiano violato le regole di leale comportamento previste dalla specifica normativa e dall'art. 1337 c.c., deve interpretare il contratto, e tale interpretazione non è censurabile in sede di legittimità se congruamente e logicamente motivata, al fine di stabilire se esso, al di là del "nomen iuris" attribuitogli, sia da identificare come polizza assicurativa sulla vita (in cui il rischio avente ad oggetto un evento dell'esistenza dell'assicurato è assunto dall'assicuratore) oppure si concreti nell'investimento in uno strumento finanziario (in cui il rischio di "performance" sia per intero addossato all'assicurato).

Cassazione civile sez. III, 05/03/2019, n.6319

Stipulazione della polizza vita: reticenza dell'assicurato

Per valutare la correttezza del comportamento assunto dall'assicurato in rapporto agli obblighi informativi cui era tenuto nello stipulare la polizza "vita", il giudice deve porre la sua attenzione sugli elementi denotanti le condizioni di salute, presenti al tempo della sottoscrizione della polizza, già noti o conoscibili da parte dell'assicurato in base a un criterio di ordinaria di diligenza, senza tener conto di quanto accaduto ex post se non in termini di ulteriore elemento di riscontro circa il collegamento logico -temporale con lo stato pregresso di salute.

Cassazione civile sez. III, 05/10/2018, n.24563

Polizza assicurativa sulla vita e contratto di investimento finanziario

La polizza assicurativa sulla vita, deve essere identificata come quella in cui il rischio dell'assicurato - cioè l'evento relativo alla sua esistenza - è assunto dall'assicuratore, mentre si tratta di un contratto di investimento finanziario quando il rischio di performance viene completamento assunto dall'assicurato, precisando che l'intermediario è obbligato a fornire con chiarezza, tutte le informazioni adeguate sulla natura, i rischi e le implicazioni delle operazioni o del servizio la cui conoscenza è necessaria per effettuare consapevoli scelte d'investimento o disinvestimento.

Corte appello Firenze sez. II, 28/09/2018, n.2214

Polizza linked

Va confermata la sentenza di merito che, in mancanza di garanzia della conservazione del capitale alla scadenza, abbia considerato la polizza linked non già come contratto di assicurazione sulla vita, bensì alla stregua di investimento da parte di coloro che figurano come assicurati, con la conseguenza che trova applicazione la disciplina specifica degli strumenti finanziari.

Cassazione civile sez. III, 30/04/2018, n.10333

L'assicurazione sulla vita di un terzo

Nel caso di assicurazione sulla vita di un terzo, la necessità del consenso scritto di questi alla stipulazione, di cui al comma 2 dell'art. 1919 c.c., non sussiste nel caso in cui il beneficiario della polizza non sia il contraente ma il terzo stesso (portatore del rischio) ovvero i suoi eredi, o comunque soggetti da lui indicati, in quanto in tal caso ci si troverebbe in realtà in presenza di una normale assicurazione a favore di terzo.

Cassazione civile sez. III, 15/02/2018, n.3707

Polizze di assicurazione sulla vita ed evasore fiscale

Il mero status di evasore fiscale non è sufficiente ai fini del giudizio di pericolosità generica che legittima l'applicazione della confisca, considerato che i requisiti di stretta interpretazione necessari per l'assoggettabilità a tale misura sono indicati dal d.lg. 159 del 2011, artt. 1 e 4 e concernono i soggetti abitualmente dediti a traffici delittuosi e che vivano abitualmente, anche in parte, con i proventi di attività delittuose, requisiti non automaticamente e necessariamente sovrapponibili all'evasore fiscale, in sé e per sé considerato. Viceversa ben può ritenersi pericolo il soggetto condannato in via definitiva ad una significativa pena per associazione a delinquere finalizzata al compimento di una serie plurima ed indefinita di reati fiscali.

La disposizione dell'art. 1923 c.c., secondo cui le somme dovute dall'assicuratore al contraente o ai beneficiari non possono essere sottoposte ad azione esecutiva o cautelare, riguarda i rapporti civilistici e il sequestro penale può avere ad oggetto una polizza assicurativa sulla vita in quanto le finalità di tale misura cautelare reale, funzionale alla confisca, non risentono delle limitazioni riguardanti i rapporti tra privati.

Cassazione penale sez. II, 10/01/2018, n.8584

Polizza index linked: esclude qualsiasi rischio finanziario a carico dell'assicurato?

Le polizze "Index linked", attraverso il meccanismo del collegamento ad un valore di riferimento, permettono di sfruttare l'eventuale rialzo dei mercati finanziari, ma non è meno vero, tuttavia, che, pur avendo al loro interno tale componente finanziaria, esse rimangono comunque prodotti assicurativi, sia perché l'assicuratore corre il rischio c.d. demografico, in quanto la prestazione è comunque dovuta al verificarsi di un evento attinente alla vita umana (copertura caso morte), sia perché il rischio delle perdite finanziarie è sostenuto dall'assicuratore quanto meno nel consentire, a determinate condizioni, il riscatto anticipato della polizza. Ne consegue che, se lo schema giuridico delle polizze "Index Linked" è quello di un contratto di assicurazione sulla vita, è corretto affermare che tale contratto è caratterizzato dalla certezza della prestazione prevista alla scadenza della polizza (capitale minimo liquidabile alla scadenza) e dalla funzione di garanzia del risparmio e che deve ritenersi escluso qualsiasi rischio finanziario a carico dell'assicurato-contraente.

Corte appello Roma sez. III, 31/07/2017, n.5204

Polizza vita: ha una natura mista?

La polizza vita ha una natura mista considerato che, sempre disegnata come un contratto di assicurazione, di fatto modella le prestazioni assicurative agganciandole in toto ad uno strumento finanziario, poiché non garantisce che al momento del verificarsi dei presupposti - per il caso di vita dell'assicurato - venga riversato un valore fisso, quanto meno comprensivo di quanto pagato a titolo di premio (e quindi il capitale), ma riconduce il quantum della prestazione dell'assicuratore esclusivamente all'andamento del titolo, cosicché per l'assicurato non vi è alcune copertura assicurativa garantita, bensì una prospettiva di contenuto spiccatamente finanziario, di profitto o di perdita, legata all'andamento del titolo, e alla solvibilità dell'emittente di detto titolo.

Tribunale Bologna sez. IV, 17/07/2017, n.1546

Assicurazione sulla vita: modifica della designazione del beneficiario

La designazione di un terzo beneficiario nell'assicurazione sulla vita comporta che, ai sensi dell'art. 1920 c.c., il credito avente ad oggetto il futuro indennizzo esce dal patrimonio del contraente, tanto da determinare un oggettivo ed immediato "impoverimento" dello stesso, a nulla rilevando che tale designazione produrrà effetti solo alla morte del contraente.

Tribunale Vicenza sez. I, 21/03/2017, n.946

Assicurazione sulla vita a favore di un terzo e revoca del beneficio

La modifica di una precedente designazione a beneficiario di una polizza sulla vita a favore di terzi deve essere inequivoca.

Detta modifica può essere contenuta anche nello stesso testamento, ma in questo caso deve essere esplicita (nel caso di specie il tribunale ha ritenuto di escludere una revoca implicita dell'originaria designazione in quanto il defunto non aveva espressamente revocato la precedente designazione come beneficiario della polizza di suo nipote e neppure aveva ritenuto di attribuire specificamente le somme assicurate a soggetti diversi dai beneficiari originari).

Tribunale Verona, 15/11/2016

Sostituzione del contraente originario

Nei contratti di assicurazione sulla vita o misti rispetto ai quali è ammessa la sostituzione del contraente originario, l'assicurazione è tenuta a verificare che il consenso al mutamento della persona del contraente provenga dall'originario contraente e quindi a porre in essere gli accorgimenti necessari per evitare che il mutamento del contraente, cioè del soggetto che ha la piena disponibilità della polizza (ed anche di variare in ogni tempo il beneficiario), possa essere effettuato all'insaputa del contraente medesimo.

Tribunale Bari sez. II, 23/09/2016, n.4772

Pagamento del riscatto al fallito

Le somme versate dalla compagnia assicuratrice all'assicurato fallito a titolo di riscatto della polizza vita sono sottratte all'azione di inefficacia di cui all'art. 44 l.fall. in virtù del combinato disposto degli artt. 1923 c.c. e 46, comma 1, n. 5, l.fall., riguardando l'esonero dalla disciplina del fallimento tutte le possibili finalità dell'assicurazione sulla vita e, dunque, non solo la funzione previdenziale ma anche quella di risparmio.

Cassazione civile sez. I, 14/06/2016, n.12261

Incidenti stradali: prove dalle timeline degli smartphone coinvolti -

indagini informatiche computer forensics informatica forense  perizia informatica forense  sicurezza informatica  digital forensics perizia giurata  recupero dati  perizia computer  forensics  consulente tecnico di parte  perito informatico forense  consulente informatico forense perizia asseverata  recupero dati cellulare  consulente informatico perizia cellulare  indagine informatica perito informatico  recupero file  ctp informatica  ctu informatica  investigatore informatico  ctu tribunale  indagine informatica forense  recupero dati hard disk  copia forense  acquisizione forense perizia informatica  perizia smartphone

* Controlli Difensivi per malattia sospetta.. anche indagini e perizie informatiche

 

La sentenza n. 18507/2016 della Corte di Cassazione ha confermato e rinnovato la legittimità dei controlli difensivi dell'azienda per sospetta simulazione fraudolenta dello stato di malattia del dipendente.

E' stato ritenuto del tutto ammissibile il ricorso ad indagini investigative per documentare l'attendibilità del certificato di malattia, producendo nel caso di specie  supporti foto e video che hanno condotto al licenziamento del dipendente per giusta causa.

Questa sentenza conferma come anche le indagini difensive preventive in ambito informatico possono essere utilizzate dall'azienda in tale contesto. Sono numerosi i casi in cui il soggetto, ufficialmente in malattia, posta sui socialnetwork foto da congressi, da occasioni ludiche, da luoghi di villeggiatura, addirittura indicando la sua posizione geografica; o addirittura pubblica ebook o articoli.

Elementi che in un contesto di indaginin informatiche, anche con l'ausilio di tecniche OSINT, posso portare alla formulazione di una perizia informatica che inchioda il soggetto alle sue responsabiltà. a maggior ragione se queste azioni fossero intraprese con strumenti aziendali assegnati al dipendente; questi sarebbero i migliori testimoni per l'accucsa dell'azienda.

* Indagini Digitali

Lo Studio Fiorenzi dal 2003 svolge mediante i propri consulenti informatici forensi  indagini informatiche e analisi forensi di dispositivi informatici di varia natura per conto di privati, aziende, avvocati, studi legali, enti, polizia giudiziaria e giudici,  in ambito civile, penale e anche in stragiudiziale e in arbitrato.

Di seguito l'elenco delle tipologie d'Indagini e verifiche che normalmente trattiamo.

* Digital Intelligence OSINT

* Indagini e accertamenti su computer

* Indagini e accertamenti su Smartphone, Tablet e cellulari

* Bonifiche Dati Digitali

* Forensics Readiness

* Incident Response, indagini post incidente informatico

 Una Indagine su un dispositivo informatico fornisce elementi spesso fondamentali a chiarire il quadro indiziario a patto che sia svolta da un professionista, un consulente informatico forense di consolidata esperienza.

L'indagine non può prescindere dall'esecuzione di una copia forense o acquisizione forense del dispositivo, che sarà allegata alla perizia informatica prodotta dal consulente informatico accreditato

Fine modulo

 

 

 

        IDFOX  Srl  International Detectives Fox  ®  Via Luigi  Razza 4 – 20124 – Milano

                                                   Tel: +39 02344223 (R.A.)  
                                               Aut.Gov. n.9277/12B15E  
                                                  www.idfox.it   mail: max@idfox.it

Frodi assicurative, sì del CEDU agli investigatori privati

 La Corte di Strasburgo ha dichiarato legittimo il ricorso alle investigazioni private per smascherare truffe ai danni delle assicurazioni

 Il 17 gennaio scorso la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è espressa a favore di una compagnia assicurativa che aveva ingaggiato un investigatore privato per smascherare una truffa, rigettando altresì il ricorso di una coppia svizzera. I fatti in questione risalgono al 2001 quando l'uomo era rimasto ferito a seguito di un incidente stradale. In qualità di passeggero, aveva avviato un'azione di risarcimento dei danni subiti contro i conducenti dei veicoli coinvolti, per un totale di 1,8 milioni di franchi. La compagnia assicurativa, ritenendo eccessiva la somma richiesta e per verificare le reali condizioni del proprio assistito, aveva deciso di affidarsi a una società di investigazioni private “autorizzata”.

 Nel corso del 2006 i detective hanno fotografato e filmato per quattro giorni consecutivi i movimenti dell'uomo, constatando che quest'ultimo era in grado di condurre una vita normale e svolgere serenamente attività quali fare la spesa, lavare l'auto e alzare pesi. La donna appariva in alcune scene, ma era difficilmente identificabile. A seguito delle indagini, la coppia ha avviato un giudizio per azione illecita contro la privacy, ma il Tribunale federale elvetico ha respinto la richiesta. A questo punto marito e moglie si sono rivolti al CEDU, ma il risultato è rimasto invariato.

 I giudici di Strasburgo hanno rigettato il ricorso, in quanto la sfera privata non è stato violata nel corso delle indagini. Infatti, l'uomo è stato ripreso in luogo pubblico e le informazioni sulla moglie, raccolte per caso e senza legami con l'inchiesta, sono lontane dal poter essere considerate una sorveglianza sistematica. Di fatto quindi, la sentenza dichiara legittima l'azione intrapresa dalla compagnia assicurativa, infliggendo un duro colpo ai così detti "furbetti delle assicurazioni". La decisione del CEDU  conferma la possibilità da parte delle compagnie assicurative di affidarsi agli investigatori privati “autorizzati” per smascherare frodi, sempre più ricorrenti, senza rischiare di incappare nella violazione della privacy altrui.

 Investigatore privato> Cybersecurity: Ivass e Ania aderiscono al CERTFin

 (c) Fornito da Al Iniziative editoriali Imagoeconomica

IVASS e ANIA aderiscono al CERTFin, la struttura altamente specializzata sulla cybersecurity costituita da Banca d'Italia, Abi e Consorzio ABI Lab per rafforzare la collaborazione contro le minacce informatiche legate allo sviluppo delle nuove tecnologie e dell'economia digitale, garantendo una sempre maggiore sicurezza degli operatori del mondo bancario, assicurativo e finanziario italiano e dei servizi digitali offerti a famiglie, imprese e PA.

È quanto stabilito dalla convenzione firmata dal Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, dal Presidente dell'IVASS, Salvatore Rossi, dal Direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini, dal Direttore generale dell'ANIA, Dario Focarelli e dal Presidente di ABI Lab, Pierfrancesco Gaggi, ad integrazione dell'accordo sottoscritto alla fine del 2016 per costituire il CERTFin. La nuova convenzione prevede, tra l'altro, l'ingresso di IVASS ed Ania nel Comitato Strategico a cui sono affidate le decisioni di indirizzo dell'organismo.

Basato sul principio della cooperazione tra pubblico e privato, il CERTFin ha il compito di innalzare la capacità di gestione dei rischi cyber degli operatori bancari, assicurativi e finanziari e la cyber resilience del settore finanziario italiano, attraverso il supporto operativo e strategico alle attività di prevenzione, preparazione e risposta agli attacchi informatici e agli incidenti di sicurezza. Inoltre viene svolta un'attenta attività di raccolta di dati, indicazioni e segnalazioni e di analisi dei principali fenomeni connessi all'universo della cybersecurity che possono avere impatto sul settore, consentendo l'efficiente e tempestivo scambio di informazioni tra gli operatori bancari e finanziari attivi in Italia. Basti pensare che, dall'avvio della sua attività nel 2017, l'organismo ha già inviato oltre 2200 segnalazioni relative a più di 1800 fenomeni rilevati e analizzati.

In linea con la Strategia Nazionale in tema di cybersecurity, il CERTFin svolge anche una funzione di raccordo con tutte le altre iniziative istituzionali avviate nel Paese in tema di sicurezza cibernetica e protezione delle infrastrutture critiche, consolidando la collaborazione e ampliando ulteriormente la rete di interlocutori istituzionali e di esperti a livello nazionale e internazionale. La partecipazione al CERTFin è aperta a tutti gli operatori del settore bancario assicurativo e finanziario: fino ad oggi sono 47 quelli che hanno già aderito all'iniziativa, 10 dei quali partecipano anche ad un "Team Virtuale" creato ad hoc per approfondire i principali fenomeni rilevati a vantaggio di tutto il settore.

 Siamo specializzati inoltre nelle indagini patrimoniali/economiche /bancarie internazionali contro i promotori finanziari ed  agenti di assicurazioni che mettano in essere delle truffe e dei raggiri per poi  fuggano con il bottino incassato dall’ignaro assicurato. Purtroppo,  la compagnia assicuratrice e gli istituti di credito  per conto della quale l’agente lavorava sono  chiamate a rispondere per una responsabilità oggettiva delle malefatte del proprio rappresentante. È quanto ha sancito una recente sentenza della Corte di Cassazione (sentenza 8 maggio – 24 settembre 2015, n. 18860): la compagnia assicurativa risponde, a livello civile, del comportamento illecito dell’agente che abbia truffato i clienti) 

  Eseguiamo    indagini  altamente professionali mediante accertamenti sui fatti e sui danni inerenti i vari sinistri al fine di tutelare la compagnia di assicurazioni sia in sede di liquidazione stragiudiziale dei danni che in sede giudiziale, civile e penale.  

  Le nostre attività non si limitano alle azioni di escussione dei testimoni ed alla verifica dello stato dei luoghi, ma ci affianchiamo al cliente in ogni fase del processo antifrode anche mediante:  -Accertamenti presso le Autorità, identificazione e rintraccio di persone informate sui fatti, indagini, sopralluoghi, escussioni, perizie sulle diverse casistiche dei sinistri (sinistri stradali, infortuni sul lavoro,incendi, furti etc.

   -Indagini e verifiche Investigative post-sinistro   su persone, fatti e circostanze tra loro correlate dalla finalità truffaldina 

  -Investigazioni antifrode assicurativa su tutto il territorio nazionale. 

  Tutte le attività di indagine sono documentate ed hanno validità in sede di giudizio. 

  IDFOX  Srl  International Detectives Fox  ®  Via Luigi  Razza 4 – 20124 – Milano

Tel: +39 02344223 (R.A.)  
              Aut.Gov. n.9277/12B15E  Area  1  Pref. Milano 
                                                mail: max@idfox.it

In Italia ci sono 4 milioni di polizze dormienti: i beneficiari non sanno di avere diritto ai premi

I dati dell'Ivass. Il presidente Salvatore Rossi: "Valgono almeno 4 miliardi"

Quattro milioni di polizze vita sottoscritte in Italia sono dormienti: scadute negli ultimi cinque anni, non sono mai state liquidate. Un fenomeno rilevante visto che l'importo complessivo si aggira su un valore di almeno 4 miliardi di euro. A fornire il quadro di questo fenomeno è stato il presidente dell'Ivass, Salvatore Rossi, in occasione della Relazione annuale sull'attività svolta dall'istituto nel 2016. "L'Ivass - ha spiegato Rossi - ha segnalato al Governo la necessità che siano modificate norme di legge evidentemente imperfette".

Perché i premi delle polizze dormienti non vengono riscossi? Molte volte i beneficiari non si fanno avanti perché non sanno di esserlo: nella polizza, infatti, i nomi dei destinatari della polizza sono indicati in modo generico, ad esempio con la dicitura 'eredi legittimi'. E così le compagnie assicurative trattengono i premi. Allo scadere del decimo anno, poi, le polizze vita non reclamate vengono riscosse dallo Stato.

"Abbiamo sensibilizzato imprese e consumatori. Molte imprese si sono attivate avviando nuove verifiche, consapevoli del potenziale danno da reputazione che può ricadere su di loro", ha sottolineato Rossi. Il presidente dell'Ivass ha espresso un auspicio, che è allo stesso tempo un'indicazione: "Ci piacerebbe che fossero chiaramente identificati i beneficiari delle polizze e che le imprese di assicurazione potessero accedere all'istituenda anagrafe nazionale della popolazione residente; anzi, che debbano farlo almeno una volta l'anno, per verificare i decessi degli assicurati e disporre il pagamento delle somme dovute, così come avviene in altri Paesi europei".

I premi nel 2016 sono scesi dell'8,7%

Nel 2016 il totale dei premi pagati alle compagnie assicurative è diminuito dell'8,7% rispetto al 2015, da 147 a 134 miliardi. L'Ivass sottolinea che a soffrire di più è stato il ramo vita (-11%), dopo tre anni di crescita. Particolarmente forte la riduzione delle polizze finanziarie (-25%), che però hanno ripreso a correre a inizio 2017.

Rc auto, calano i prezzi in Italia ma restano superiori di 104 euro rispetto a Germania, Francia e Spagna

I prezzi dell'Rc auto, con la crisi e con la lotta alle frodi, sono in discesa per il quinto anno consecutivo attestandosi, nel quarto trimestre 2016, a una media di 420 euro. Il divario rispetto a Germania, Francia e Spagna si è ridotto a 140 euro. Si riduce anche il divario tra le varie province, ma a Napoli si paga ancora più del doppio rispetto ad Aosta.

Rossi: "Il cyber risk è un problema serio e pervasivo"

Il cyber risk per il mondo assicurativo "è un rischio serio, nuovo, pervasivo. Saranno necessarie norme, accorgimenti organizzativi, consapevolezza", ha spiegato Rossi. Il presidente dell'Ivass ha messo in evidenza come le compagnie sono maggiormente esposte quanto più i sistemi informatici si integrano con la rete. L'Ivass sta mettendo a punto un nuovo regolamento sulla governance nel quale chiederà alle compagnie di realizzare dei piani sul cyber risk.

Fonte Internet

 

  

                                                       NEWS 

  Tribunale di Napoli, sentenza 31 marzo 2015, n. 4849)  

 Nella questione in esame, l’attore proponeva domanda giudiziale per ottenere dall’assicurazione il risarcimento dei danni per le lesioni subite in conseguenza di un sinistro stradale. A norma dell’art. 145 del D.Lgs. 209/2005, l’azione di risarcimento danni causati da circolazione veicoli e natanti, può essere proposta decorsi sessanta o novanta giorni in caso di danni alla persona, dall’invio di una lettera raccomandata del danneggiato, redatta secondo le modalità dell’art. 148, 1 co, del decreto legislativo summenzionato. E’ stato dunque superato il precedente orientamento, che considerava sufficiente una richiesta generica avanzata dal danneggiato all’assicuratore.   

Nel caso in esame, la messa in mora inoltrata dall’attore all’assicurazione, infatti, era risultata priva dei requisiti prescritti per legge. In effetti, nella richiesta di risarcimento, prodotta in atti, emergevano diverse omissioni; in particolare la stessa era carente sia dei dati relativi dell’attività del danneggiato, sia della dichiarazione ex art. 142, 2 co, D.Lgs. 209/05.  

Fonte Internet 

About us:

IDFOX SRL ®
Via Luigi Razza, 4 – 20124 Milano
Tel. +39 02344223 (r.a.) –
www.idfox.it mail: max@idfox.it

Countries we work in

Europa:

Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Principato di Monaco, Belgio, Olanda, Danimarca, Svezia, Norvegia, Austria, Gran Bretagna, Lussemburgo, Italia, Croazia, Moldavia, Ungheria, Romania, Turchia, Israele, Slovacchia, Ucraina, Bielorussia, Albania, Slovenia, Serbia, Polonia, Lituania, Estonia, Russia ed ex Repubblica URSS.

Nelle Città:

Parigi, Londra, Madrid, Amsterdam, Berlino, Ginevra, Zurigo Baia Mare, Bucarest, Praga, Varsavia, Mosca, Zagabria, Chisinau, Budapest Istanbul, Tel Aviv,

America nord / centro / sud

Stati Uniti d’America, Messico, Cuba, Cile, Costa Rica, Repubblica Domenicana, Giamaica, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panama, Venezuela, Colombia, Peru, Brasile, Bolivia, Argentina.

Nelle Città:

Los Angeles, New York, Città del Messico, L’Avana, Santiago, San José, Santo Domingo, Kingston, Città del Guatemala, Tegucigalpa, Managua, Panamà, Caracas, Bogotà, Lima, Rio De Janeiro, San Paolo, Bahia, Sucre, Buenos Aires.

Asia e Sud Est Asiatico 

India, Repubblica di Singapore, Thailandia, Cambogia, Cina, Giappone, Repubblica di Corea, Vietnam, Filippine.

Nelle città:

Bombay, Singapore, Bangkok, Phnom Penh, Hong Kong, Tokyo, Seul, Saigon, Hanoi, Manila.

Australia

Australia

Nelle Città:

Sydney, Canberra, Melbourne.

Paesi Arabi ed Africa

Africa, Turchia, Sud Africa, Arabia Saudita, Senegal, Nigeria, Egitto, Madagascar, Kenya, Tanzania, Oman, Marocco, Libia.

About us:

IDFOX SRL ®
Via Luigi Razza, 4 – 20124 Milano
Tel. +39 02344223 (r.a.) – 
www.idfox.it mail: max@idfox.it

PRIVACY

Privacy & Cookies Policy

Per IDFOX la privacy dei propri utenti è di primaria importanza. La presente Informativa sulla privacy definisce quali dati vengono raccolti e il modo in cui gli stessi vengono utilizzati, divulgati, trasferiti e/o archiviati. Questo Sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti secondo quanto stabilito da regolamento UE 679/2016 GDPR (General Data Protection Regulation).

Titolare del trattamento

In caso di domande relative alla presente politica di privacy è possibile contattarci utilizzando le informazioni riportate di seguito:

IDFOX Via Luigi Razza, 4 – 20124 – Milano, Italia

Telefono: +39 02 344223 – Mail: max@idfox.it

Tipologie di Dati raccolti

Fra i Dati Personali raccolti da questo Sito, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie, Dati di utilizzo, E-mail e varie tipologie di dati.

Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.

I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall'Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l'uso di questo Sito. L'eventuale utilizzo di Cookie - o di altri strumenti di tracciamento - da parte di questo Sito o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questo Sito, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l'Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all'erogazione del servizio richiesto dall'Utente.

Il mancato conferimento da parte dell'Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questo Sito di erogare i propri servizi.

L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questo Sito e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.

Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti

Modalità di trattamento: Il Titolare tratta i Dati Personali degli Utenti adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali. Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate.

Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati categorie di incaricati coinvolti nell'organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L'elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.

Base giuridica del trattamento

Il Titolare tratta Dati Personali relativi all'Utente in caso sussista una delle seguenti condizioni:

l'Utente ha prestato il consenso per una o più finalità specifiche; Nota: in alcuni ordinamenti il Titolare può essere autorizzato a trattare Dati Personali senza che debba sussistere il consenso dell'Utente o un'altra delle basi giuridiche specificate di seguito, fino a quando l'Utente non si opponga ("opt-out") a tale trattamento. Ciò non è tuttavia applicabile qualora il trattamento di Dati Personali sia regolato dalla legislazione europea in materia di protezione dei Dati Personali; il trattamento è necessario all'esecuzione di un contratto con l'Utente e/o all'esecuzione di misure precontrattuali; il trattamento è necessario per adempiere un obbligo legale al quale è soggetto il Titolare; il trattamento è necessario per l'esecuzione di un compito di interesse pubblico o per l'esercizio di pubblici poteri di cui è investito il Titolare; il trattamento è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del Titolare o di terzi. È comunque sempre possibile richiedere al Titolare di chiarire la concreta base giuridica di ciascun trattamento ed in particolare di specificare se il trattamento sia basato sulla legge, previsto da un contratto o necessario per concludere un contratto.

Luogo

I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare. I Dati Personali dell'Utente potrebbero essere trasferiti in un paese diverso da quello in cui l'Utente si trova. Per ottenere ulteriori informazioni sul luogo del trattamento l'Utente può fare riferimento alla sezione relativa ai dettagli sul trattamento dei Dati Personali.

L'Utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alla base giuridica del trasferimento di Dati al di fuori dell'Unione Europea o ad un'organizzazione internazionale di diritto internazionale pubblico o costituita da due o più paesi, nonché in merito alle misure di sicurezza adottate dal Titolare per proteggere i Dati.

Qualora abbia luogo uno dei trasferimenti appena descritti, l'Utente può fare riferimento alle rispettive sezioni di questo documento o chiedere informazioni al Titolare contattandolo agli estremi riportati in apertura.

Periodo di conservazione

I Dati sono trattati e conservati per il tempo richiesto dalle finalità per le quali sono stati raccolti.

Pertanto: I Dati Personali raccolti per scopi collegati all'esecuzione di un contratto tra il Titolare e l'Utente saranno trattenuti sino a quando sia completata l'esecuzione di tale contratto. I Dati Personali raccolti per finalità riconducibili all'interesse legittimo del Titolare saranno trattenuti sino al soddisfacimento di tale interesse. L'Utente può ottenere ulteriori informazioni in merito all'interesse legittimo perseguito dal Titolare nelle relative sezioni di questo documento o contattando il Titolare. Quando il trattamento è basato sul consenso dell'Utente, il Titolare può conservare i Dati Personali più a lungo sino a quando detto consenso non venga revocato. Inoltre, il Titolare potrebbe essere obbligato a conservare i Dati Personali per un periodo più lungo in ottemperanza ad un obbligo di legge o per ordine di un'autorità.

Al termine del periodo di conservazioni i Dati Personali saranno cancellati. Pertanto, allo spirare di tale termine il diritto di accesso, cancellazione, rettificazione ed il diritto alla portabilità dei Dati non potranno più essere esercitati.

Finalità del Trattamento dei Dati raccolti

I Dati dell'Utente sono raccolti per consentire al sito di fornire i propri servizi, così come per le seguenti finalità: Contattare l'Utente, Gestione indirizzi e invio di messaggi e-mail, Interazione con social network e piattaforme esterne, Commento dei contenuti e Statistica. Le tipologie di Dati Personali utilizzati per ciascuna finalità sono indicate nelle sezioni specifiche di questo documento.

Dettagli sul trattamento dei Dati Personali

I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:

Contattare l'Utente

Mailing List o Newsletter (Questo Sito)

Con la registrazione alla mailing list o alla newsletter, l'indirizzo e-mail dell'Utente viene automaticamente inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi e-mail contenenti informazioni, anche di natura commerciale e promozionale, relative a questo Sito. L'indirizzo e-mail dell'Utente potrebbe anche essere aggiunto a questa lista come risultato della registrazione a questo Sito.

Dati personali raccolti: E-mail

Modulo di contatto o invio e-mail. L'Utente, compilando con i propri Dati il modulo di contatto o inviando una comunicazione e-mail, acconsente al loro utilizzo per rispondere alle richieste di informazioni, di preventivo, o di qualunque altra natura indicata dall'intestazione del modulo o dal contenuto della e-mail.

Dati personali raccolti: Nome, Cognome, E-mail

Gestione Indirizzi e invio Mail (newsletter)

Questi servizi consentono di gestire un database di contatti e-mail, contatti telefonici o contatti di qualunque altro tipo, utilizzati per comunicare con l'Utente. Questi servizi potrebbero inoltre, consentire di raccogliere dati relativi alla data e all'ora di visualizzazione dei messaggi da parte dell'Utente, così come all'interazione dell'Utente con essi, come le informazioni sui click sui collegamenti inseriti nei messaggi.

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Protezione: Firewall, protezione antivirus e anti-malware

Questi servizi analizzano il traffico di questo sito web, potenzialmente contenente Dati Personali degli Utenti, al fine di bloccare tentativi di compromissione del sito web stesso.

Wordfence Security (Defiant Inc.)

Dati personali raccolti: Varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio.

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Statistica

I servizi contenuti nella presente sezione permettono al Titolare del Trattamento di monitorare e analizzare i dati di traffico e servono a tener traccia del comportamento dell'Utente.

Google Analytics (Google Inc.)

Google Analytics è un servizio di analisi web fornito da Google Inc.("Google"). Google utilizza i Dati Personali raccolti allo scopo di tracciare ed esaminare l'utilizzo di questo Sito, compilare report e condividerli con gli altri servizi sviluppati da Google. Google potrebbe utilizzare i Dati Personali per contestualizzare e personalizzare gli annunci del proprio network pubblicitario.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

I servizi di statistica di Google Analytics inseriti su questo sito web sono in forma aggregata aggiungendo la direttiva IP Anonymize, si veda la parte relativa ai cookies in fondo a questo sito web.

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Contenuti su piattaforme esterne

Questi servizi permettono di visualizzare contenuti ospitati su piattaforme esterne direttamente dalle pagine di questo Sito e di interagire con essi. Nel caso in cui sia installato un servizio di questo tipo, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

Widget Video Youtube (Google Inc.)

Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Google Font (Google Inc.) Google Fonts è un servizio di visualizzazione di stili di carattere gestito da Google Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine.

 

 

Dati personali raccolti: Cookie e dati di utilizzo

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Google Maps (Google Inc.)

Google Maps è un servizio di visualizzazione di mappe gestito da Google Inc. che permette a questo Sito di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine.

Dati personali raccolti: Cookie e dati di utilizzo

Luogo del trattamento: USA - Privacy Policy

Diritti dell'Utente

Gli Utenti possono esercitare determinati diritti con riferimento ai Dati trattati dal Titolare.

In particolare, l'Utente ha il diritto di:

- revocare il consenso in ogni momento. L'Utente può revocare il consenso al trattamento dei propri Dati Personali precedentemente espresso.

- opporsi al trattamento dei propri Dati. L'Utente può opporsi al trattamento dei propri Dati quando esso avviene su una base giuridica diversa dal consenso. Ulteriori dettagli sul diritto di opposizione sono indicati nella sezione sottostante.

- accedere ai propri Dati. L'Utente ha diritto ad ottenere informazioni sui Dati trattati dal Titolare, su determinati aspetti del trattamento ed a ricevere una copia dei Dati trattati.

- verificare e chiedere la rettificazione. L'Utente può verificare la correttezza dei propri Dati e richiederne l'aggiornamento o la correzione.

- ottenere la limitazione del trattamento. Quando ricorrono determinate condizioni, l'Utente può richiedere la limitazione del trattamento dei propri Dati. In tal caso il Titolare non tratterà i Dati per alcun altro scopo se non la loro conservazione.

- ottenere la cancellazione o rimozione dei propri Dati Personali. Quando ricorrono determinate condizioni, l'Utente può richiedere la cancellazione dei propri Dati da parte del Titolare.

- ricevere i propri Dati o farli trasferire ad altro titolare. L'Utente ha diritto di ricevere i propri Dati in formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e, ove tecnicamente fattibile, di ottenerne il trasferimento senza ostacoli ad un altro titolare. Questa disposizione è applicabile quando i Dati sono trattati con strumenti automatizzati ed il trattamento è basato sul consenso dell'Utente, su un contratto di cui l'Utente è parte o su misure contrattuali ad esso connesse.

- proporre reclamo. L'Utente può proporre un reclamo all'autorità di controllo della protezione dei dati personali competente o agire in sede giudiziale.

Dettagli sul diritto di opposizione

Quando i Dati Personali sono trattati nell'interesse pubblico, nell'esercizio di pubblici poteri di cui è investito il Titolare oppure per perseguire un interesse legittimo del Titolare, gli Utenti hanno diritto ad opporsi al trattamento per motivi connessi alla loro situazione particolare.

Si fa presente agli Utenti che, ove i loro Dati fossero trattati con finalità di marketing diretto, possono opporsi al trattamento senza fornire alcuna motivazione. Per scoprire se il Titolare tratti dati con finalità di marketing diretto gli Utenti possono fare riferimento alle rispettive sezioni di questo documento.

Come esercitare i diritti

Per esercitare i diritti dell'Utente, gli Utenti possono indirizzare una richiesta agli estremi di contatto del Titolare indicati in questo documento. Le richieste sono depositate a titolo gratuito e evase dal Titolare nel più breve tempo possibile, in ogni caso entro un mese.

 

 

Cookie Policy

In linea con la legislazione Europea, vogliamo garantire che ogni utente del sito web comprenda cosa sono i cookie e per quale motivo vengono utilizzati, in modo che possa decidere consapevolmente se accettarne l'utilizzo o no. Un cookie è un piccolo file di testo contenente un numero di identificazione univoco che viene trasferito dal sito web sul disco rigido del computer attraverso un codice anonimo in grado di identificare il computer ma non l'utente e di monitorare passivamente le attività sul sito.

Cookie strettamente necessari, Cookie sulle prestazioni, Cookie funzionali, Cookie di profilazione.

Il sito web www.idfox.it utilizza solo le prime tre categorie di cookie, per i quali non è richiesto alcun consenso:

1. Cookie strettamente necessari: Questi cookie sono essenziali al fine di permettere la navigazione del sito web e l'utilizzo delle sue funzionalità, come ad esempio l'accesso ad alcune aree protette. Senza questi cookie, alcune funzionalità richieste come ad esempio il login al sito o la creazione di un carrello per lo shopping online non potrebbero essere fornite.

2. Cookie analitici: Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano il sito web, ad esempio quali pagine vengono visitate più spesso, e se gli utenti ricevono messaggi di errore da queste pagine. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore specifico. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzate unicamente per migliorare il funzionamento del sito web.

Questi cookie possono essere paragonati ai "cookie tecnici" quando in alternativa sono usati direttamente dall'amministratore del sito per raccogliere informazioni in forma aggregata oppure sono gestiti da terze parti e specifici mezzi sono adoperati per ridurre la capacità dei cookie di identificare gli utenti (per esempio, nascondendo una parte significativa dell'indirizzo IP) e ove la terza parte li utilizzi esclusivamente per la fornitura del servizio. Per esempio, esse archiviano i dati dei cookie separatamente senza incrociarli o arricchirli con altri dati personali disponibili.

3. Cookie funzionali: Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte che l'utente ha effettuato (come il vostro lo username, la vostra lingua o l'area geografica in cui vivete vive l'utente) al fine di ottimizzare e fornire funzionalità più avanzate. Questi cookie possono, inoltre, essere utilizzati per fornire funzionalità richieste dall'utente come ad esempio la visualizzazione di un video o la possibilità di commentare un blog. Queste informazioni raccolte dai cookie possono essere anonime e non devono tracciare la navigazione e le attività dell'utente su altri siti web.

Questi cookie possono anche essere definiti cookie tecnici.

I cookie sopra citati sono definiti persistenti e la loro durata è stabilita dal server al momento della loro creazione.

Gestire le preferenze sui cookie.

Alcuni dei cookie utilizzati sui nostri siti sono impostati da noi, mentre altri sono impostati da terze parti che erogano i servizi per conto nostro.

Cookie di terze parti.

Alcuni cookie di terze parti sono impostati da servizi contenuti sulle nostre pagine. Sono gestiti dagli operatori di quel servizio e non sono sotto il nostro controllo. Invitiamo l'utente a controllare la Privacy Policy e le istruzioni su come cancellare i cookie impostati da questi servizi ai link elencati nelle sezioni seguenti. Le terze parti hanno piena responsabilità dei cookie di terze parti.

www.idfox.it non accetta alcuna responsabilità per i contenuti e i cookie di link esterni, i quali possono subire modifiche senza preavviso da parte dei rispettivi operatori. Si fornisce all'utente gli scopi di utilizzo dei cookie delle terze parti e i link alle informative delle terze parti.

Nome cookie: _ga, _gid, _gat Durata: 2 anni, 24 ore, 1 minuto rispettivamente Provider: Google Analytics

Descrizione: I cookie di Google Analytics permettono di tracciare il comportamento degli utenti e di misurare la performance del sito. Per esempio, questi cookie distinguono tra utenti e sessioni e sono usati per calcolare le statistiche sui nuovi utenti e gli utenti di ritorno. Più informazioni: Link Google Analytics

Cookie di Google Analytics www.idfox.it include delle componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google Inc ("Google"). Si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo aggregato per monitorare e migliorare la performance dei nostri siti (cookie di analitici).

Come impostazione predefinita, Google Analytics usa i cookie per raccogliere e analizzare informazioni sul comportamento degli utenti sul sito, compreso il loro indirizzo IP. Questa informazione è raccolta da Google Analytics, che la processa al fine di preparare dei report sulle attività degli utenti sul sito.

Questo sito:

- usa l'anonimizzazione tramite mascheramento dell'indirizzo IP, così che Google Analytics rimuova le ultime 8 cifre dell'indirizzo IP dell'utente prima di memorizzare o usare il dato;

- non utilizza e non permette l'utilizzo alle terze parti dello strumento di analisi di Google per tracciare o raccogliere informazioni o dati sensibili. L'uso di questi cookie è soggetto a restrizioni contrattuali con Google, in cui è richiamato l'impegno di Google a utilizzare questi cookie solo per la fornitura del servizio, ad archiviarli separatamente e a non "arricchirli" o "incrociarli" con le altre informazioni disponibili.

Continuando la navigazione su questo sito, l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie e dichiara di aver compreso la presente cookie policy.

Disabilitazione dei cookie

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire - ad esempio - che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso.

Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni.

La disattivazione dei cookie di terze parti è inoltre possibile attraverso le modalità rese disponibili direttamente dalla società terza titolare per detto trattamento.

In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di opt out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.

Per avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente si rinvia al link:

https://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte

Ulteriori informazioni sul trattamento

Difesa in giudizio

I Dati Personali dell'Utente possono essere utilizzati per la difesa da parte del Titolare in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell'utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell'Utente. L'Utente dichiara di essere consapevole che al Titolare potrebbe essere richiesto di rivelare i Dati su richiesta delle pubbliche autorità.

Informative specifiche

Su richiesta dell'Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questo Sito potrebbe fornire all'Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.

Log di sistema e manutenzione

Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questo Sito e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati, potrebbero raccogliere Log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l'indirizzo IP Utente.

Informazioni non contenute in questa policy

Maggiori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando le informazioni di contatto.

Esercizio dei diritti da parte degli Utenti

I soggetti cui si riferiscono i Dati Personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno degli stessi presso il Titolare del Trattamento, di conoscerne il contenuto e l'origine, di verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei Dati Personali trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del Trattamento.

Questo Sito non supporta le richieste "Do Not Track". Per conoscere se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportano, consulta le loro privacy policy.

Modifiche a questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone pubblicità agli Utenti su questa pagina. Si prega dunque di consultare spesso questa pagina. Nel caso di mancata accettazione delle modifiche apportate alla presente privacy policy, l'Utente è tenuto a cessare l'utilizzo di questo Sito e può richiedere al Titolare del Trattamento di rimuovere i propri Dati Personali. Salvo quanto diversamente specificato, la precedente privacy policy continuerà ad applicarsi ai Dati Personali sino a quel momento raccolti.

Informazioni su questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento dei Dati è responsabile per questa privacy policy.

Definizioni e riferimenti legali

Dati Personali (o Dati)

Costituisce dato personale qualunque informazione relativa a persona fisica, identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale.

Dati di Utilizzo

Sono i dati personali raccolti in maniera automatica dal Sito (o dalle applicazioni di parti terze che la stessa utilizza), tra i quali: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dall'Utente che si connette al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier), l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta dal server (buon fine, errore, ecc.) il Paese di provenienza, le caratteristiche del browser e del sistema operativo utilizzati dal visitatore, le varie connotazioni temporali della visita (ad esempio il tempo di permanenza su ciascuna pagina) e i dettagli relativi all'itinerario seguito all'interno del Sito, con particolare riferimento alla sequenza delle pagine consultate, ai parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'Utente.

Utente

L'individuo che utilizza questo Sito, che deve coincidere con l'Interessato o essere da questo autorizzato ed i cui Dati Personali sono oggetto del trattamento.

Interessato

La persona fisica o giuridica cui si riferiscono i Dati Personali.

Responsabile del Trattamento (o Responsabile)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal Titolare al trattamento dei Dati Personali, secondo quanto predisposto dalla presente privacy policy.

Titolare del Trattamento (o Titolare)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali ed agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza, in relazione al funzionamento e alla fruizione di questa Applicazione. Il Titolare del Trattamento, salvo quanto diversamente specificato, è il proprietario di questo Sito.

Questo Sito

Lo strumento hardware o software mediante il quale sono raccolti i Dati Personali degli Utenti.

Servizio

Il Servizio fornito da idfox.it così come definito nei relativi termini (se presenti) su questo sito.

Unione Europea (o UE)

Salvo ove diversamente specificato, ogni riferimento all'Unione Europea contenuto in questo documento si intende esteso a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo.

Cookie

Piccola porzione di dati conservata all'interno del dispositivo dell'Utente.

Riferimenti legali

La presente informativa privacy è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679.

Ove non diversamente specificato, questa informativa privacy riguarda esclusivamente idfox.it.

 

 

Contattaci

IDFOX Srl

Via Luigi Razza, 4 20124 Milano

Telefono +39 02344223

E-mail max@idfox.it